Passeggiando nella Nuvola

Passeggiando nella Nuvola

Due ore alla Nuvola di Fuksas, per la Fiera della Piccola e della Media Editoria “Più libri, più liberi”: il fascino che si può vedere, incontrare e leggere

Mattina, la TV ha previsto pioggia e temporali ma fortunatamente… ha sbagliato! e il sole gioca solo un pò con le nuvole – d’altronde, siamo a dicembre…

Ed è verso una nuvola, la

Nuvola di Fuksas,

che mi sto dirigendo, perché ho il mio firmacopie (entità fino ad ora sconosciuta e che si rivelerà, in buona sostanza, “stare un’oretta in uno stand per promuovere il tuo libro“).

La Nuvola di Fuksas… ossia, il Centro Congressi

all’EUR,

che a me piace davvero tanto, soprattutto quando tutto quel bianco si fa disegnare dall’azzurro del cielo.

C’è la Fiera del Libro, anzi per essere precisi, la

Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria,

alla Nuvola, e ci resterà fino all’8 di dicembre, con il suo bel motto “Più libri, più liberi”.

Così, dopo essermi ripromessa mille volte e inutilmente di andarci, a vedere l’opera che in realtà si chiama “The Floating Space”, ecco che, oggi, sono qui.

Siamo a Roma, nel cuore dell’EUR, all’incrocio tra la dorsale di Via Cristoforo Colombo e Viale Europa che ne rappresentano idealmente il cardo e il decumano: l’edificio di Massimiliano e Doriana Fuksas occupa uno degli spazi urbani più interessanti della Capitale, ed è perfettamente integrato per dimensioni e orientamento nell’impianto razionale dell’area, progettato per la sontuosa esposizione universale prevista nel 1942“.

Così si legge nell’articolo di Luca Silenzi “La Nuvola di Fuksas e l’importanza di finire”, pubblicato a gennaio 2018.

Non mi intendo di architettura, ma lasciarmi avvolgere da tutte quelle linee, osservare il contrasto tra il chiaro e le diverse tonalità di grigio,

permettere che le trasparenze mi raccontino la favola di distanze sempre superabili

è qualcosa da cui mi lascio volentieri affascinare.

E quando, scendendo con l’enorme scala mobile come se fossi su un tappeto magico, vedo un gruppetto di bambini, davvero piccoli, portati in visita alla fiera con un bel giubbotto giallo e tenuti tra loro con una corda morbida

perché chiunque li veda e nessuno di loro si perda…

per un attimo, e nonostante l’età, penso agli

elfi di babbo Natale…

… e spero che, da grandi, amino quel meraviglioso modo di viaggiare che è

leggere libri.

Il “firmacopie”, per me, è finito; le sorprese, no.

Accompagnata dal mio amico Bruno Leoni (regalo dell’Isola Tiberina….)

incontro un Editore Appassionato.

E penso, una volta di più, che è davvero una fortuna quando si incontra qualcuno che non solo ama il suo lavoro, ma anche si diverte a farlo.

Lascio la Nuvola dietro le spalle, ma questa volta sono sicura che ci tornerò.

Uscendo, ormai è l’ora di pranzo, faccio ancora in giro, con l’idea di andare a cercare un posto dove fermarmi a mangiare qualcosa.

Così, trovo

l’Eur Caffè Casini:

simpatico, accogliente, con i suoi bei funghi per potere pranzare fuori anche se è dicembre (il che per una nata al Nord è sempre una piacevolissima sorpresa)

e dove pranzo con un ottimo piatto di tagliolini con il salmone, le mandorle e il prezzemolo.

Ringrazio il titolare del locale, che mi ha permesso di fare le foto anche se – giustamente, non conoscendomi – non era davvero convinto che fosse una buona idea….

e ringrazio l’amico Maliq Meda per le bellissime foto all’interno della Fiera.

Summary
Passeggiando nella Nuvola
Article Name
Passeggiando nella Nuvola
Description
Due ore alla Nuvola di Fuksas, per la Fiera della Piccola e della Media Editoria "Più libri, più liberi": il fascino che si può vedere, incontrare e leggere
Author
Publisher Name
www.giovannavernarecci.org
giovannavernarecci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: